Ponte di Rialto, l’icona di Venezia tra storia e curiosità

Il Ponte di Rialto è uno dei più famosi simboli di Venezia e permette di collegare le due sponde del famoso Canal Grande. Originariamente era in legno e oggi in pietra, ospita 24 piccoli negozi per turisti su entrambi i lati.

Tutti i giorni migliaia di fotografia sono scattate dal Ponte di Rialto per una delle viste più suggestive su tutta la città. E’ uno dei ponti di Venezia più antichi ed era l’unico, fino alle metà del 1800, a permettere l’attraversamento del Canal Grande.

Ponte di Rialto Venezia

Crociera 1 ora sul Canal Grande
Tour Guidato di 1 ora – Cancellazione gratuita fino a 24 ore prima

Da 39 € a persona

Prenota ora


I numeri del ponte di Rialto

  • 1 – il ponte è composto da una sola arcata di 28 metri.
  • 6.000 – sono i pali in legno necessari per sostenere il sistema di fondazioni.
  • Il ponte è lungo 48 metri e largo 22 metri
  • 3 – sono le rampe di scale che permettono di raggiungere la parte più alta del ponte.

La storia del Ponte di Rialto

La volontà di collegare le due sponde del Canal Grande c’è sempre stata e la città trovò una prima soluzione nel XII secolo. Il quartiere di Rialto era storicamente uno dei più importanti della città grazie alle tantissime attività commerciali e artigianali presenti.

Per poter superare il Canal Grande, la primissima soluzione ideata era un ponte mobile, formato sostanzialmente da tante imbarcazioni collegate con delle tavole in legno. In questo modo però, il problema è che si rendeva più difficile il transito alle altre imbarcazioni lungo il canale.

Il crollo del Ponte di Rialto

Solo un secolo più tardi fu realizzato il primo ponte con una struttura in legno su pali, distrutta pochi decenni dopo durante una rivolta popolare (inizio del 1300). Fu ricostruito un ponte levatoio in legno, ma ci fu presto un nuovo incidente.

Nel 1444 tutta la popolazione di Venezia accorse ad assistere al matrimonio della Marchesa di Ferrara che stava attraversando in barca il canale. Le travi in legno iniziarono a curvarsi per il gran peso delle persone che si erano sistemate sul ponte e crollò rovinosamente.

Il ponte in legno

Numerosi artisti come Palladio, Vignola, Michelangelo e Sansovino presentarono un proprio progetto per ricostruire il Ponte di Rialto a Venezia, stavolta in pietra.

Ponte di Rialto Palladio

Capriccio con edifici palladiani – Canaletto – XVIIIsecolo- Galleria Nazionale di Parma

Nell’immagine sopra un dipinto del Canaletto che raffigura il Ponte di Rialto in base a quello che era il progetto di Andrea Palladio.

Nonostante i grandi nomi che presentarono le proprie idee, il progetto venne affidato all’ingegnere veneziano Antonio Da Ponte, che disegnò un progetto su arcata unica così da rendere più semplice il passaggio delle imbarcazioni sotto il ponte.

La realizzazione ebbe non pochi problemi e ritardi, tanto che i lavori iniziarono solo nel 1588. La popolazione locale infatti era molto contrariata dal nuovo progetto, visto come una minaccia per le attività commerciali della zona.

Curiosità

Il costo totale per la realizzazione di questo straordinario progetto di ingegneria raggiunse la somma all’epoca incredibile di 250.000 ducati.

Le leggende sul Ponte di Rialto

Sulla struttura del ponte spiccano due capitelli molto particolari che, secondo la leggenda, vennero realizzati dai costruttori come presa in giro, visto che nonn credevano fosse possibile la realizzazione di un ponte così complesso e costoso.

Si narrano due differenti versioni: la prima racconta di un uomo che una volta esclamo:

Prima che questo ponte sarà terminato, farà prima a crescermi un dito dal mio inguine. 

La seconda storia racconta invece di una donna che promise di bruciare i suoi genitale semmai questo ponte dovesse essere realizzato.

Arte e scultura del Ponte di Rialto

Al di là di tutti gli scetticismi iniziali, il ponte di Rialto è oggi considerato uno dei più straordinari capolavori di Venezia. Tantissimi turisti si fermano sulle gradinate per fotografare la stupenda vista su tutto il Canal Grande. Lo stesso ponte è, però, una grandiosa opera d’arte.

Cosa vedere

Sull’arco centrale, su uno dei due lati, sono presenti delle sculture che raffigurano l’Annunciazione con le immagini dell’Arcangelo Gabriele e della Vergine Maria, mentre dall’altro lato sono presenti le sculture di San Teodoro e San Marco, protettori e patroni di Venezia.

Alla base del ponte è scolpita su pietra la data della costruzione del Ponte e la data della fondazione di Venezia che, secondo la leggenda, avvenne il 25 marzo dell’anno 421 d.C.

I negozi sul Ponte di Rialto

Una volta questa struttura ospitava botteghe e attività artigianali veneziane. Oggi, con l’esplosione del turismo di massa, sul Ponte di Rialto si trovano solo tante piccoli negozietti dedicati ai souvenir. Se cercate qualcosa di autentico di Venezia, meglio provare altrove…

SCOPRI IL TOUR PER VENEZIA SEGRETA

Cosa vedere nei dintorni

Ponte di Rialto cosa vedere

Ci troviamo proprio nel centro storico di Venezia, circondati da straordinarie opere d’arte ed edifici che nascondono inestimabili tesori. Sicuramente uno dei frammenti di Venezia più caratteristici dei dintorni è il Mercato di Rialto. Ogni mattina i veneziani si recano al mercato per acquistare frutta, verdura e pesce fresco ad un buon prezzo.

Non lontano dal Ponte di Rialto abbiamo Fondaco dei Tedeschi, uno piccolo ma interessante centro commerciale con una bellissima (e gratuita!) terrazza panoramica. Da non perdere. Ricordati, però, di prenotare in anticipo a questo link.

Not far from Rialto Bridge there is Fondaco dei Tedeschi, a nice shopping centre with a wonderful (and free!) panoramic terrace. You can’t miss it! Just remember to book the entrance (here the link)

Leave a Reply