Il Volo dell’Angelo di Venezia

Il Volo dell’Angelo è uno dei momenti più attesi che inaugura il Carnevale di Venezia: una figura in maschera si lancia dal Campanile di Piazza San Marco secondo una tradizione secolare una volta chiamata svolo del turco.

Chi ha inventato questo evento e soprattutto chi fa il Volo dell’Angelo a Venezia? All’interno di questa pagina troverai il programma aggiornato di quest’anno, le foto delle precedenti edizioni e tante curiosità legate a questo tradizionale tuffo nel vuoto.

Volo dell'Angelo di Venezia
Volo dell’Angelo Venezia – Foto di Erin Johnson

Vuoi arrivare rapidamente in Piazza San Marco? Raggiungi subito il luogo dell’evento in traghetto. Scegli il formato 24 ore per muoverti liberamente in tutta la città quante volte vuoi. Acquistando il ticket online eviterai le (lunghe!) code in biglietteria.

Prenota il biglietto online

Volo dell’Angelo 2022

Nonostante l’epidemia in corso, è stata confermata la data dell’evento. Il Volo dell’Angelo 2022 si terrà in Piazza San Marco domenica 20 febbraio 2022 Un evento da non perdere e, visto il numero di spettatori generalmente presenti, ti consigliamo di essere in zona con un po’ di anticipo.

Vai alle foto del Volo dell’Angelo

Storia e curiosità

Il Volo dell’Angelo è un evento tradizionale che risale alla metà 1500. Una volta era conosciuto come Svolo del Turco e la sua storia è legata ai fasti e alle conquiste della Serenissima. Il 2 giugno 1564 un turco fissò una corda alla cella campanaria e legò l’altra estremità ad un’imbarcazione ancorata nella laguna. Il 4 giugno, due giorni dopo, fu lui il primo a salire sul Campanile di San Marco percorrendo in piedi la fune e aiutandosi solo con un bilanciere per mantenere l’equilibrio.

A fare il volo fu un marangone dell’Arsenale – un mastro falegname esperto nella costruzione di imbarcazioni. Riuscì nell’incredibile impresa perché abituato a lasciarsi cadere velocemente anche dalla cima del più alto albero maestro di navi e galee veneziane. La storia è stata tramandata da Piero Lucchi, storico bibliotecario del Museo Correr di Venezia.

Da allora questa passeggiata nel vuoto, venne ripresa in ogni edizione del Carnevale fino a diventare un evento tradizionale. Ciò che è certo è che anticamente non avevano tutte le misure di sicurezza che sono adottate oggi.

Come si svolgeva una volta il Volo dell’Angelo?

Tradizionalmente non c’è era una sola fune. Con una prima il turco partiva dall’acqua e si arrampicava fino ad arrivare al Campanile. Eseguendo delle pericolose giravolte sospeso in aria, si spostava su una seconda corda dirigendosi fino al primo piano del Palazzo Ducale, dove portava omaggio al Doge e un mazzo di fiori alla Dogaressa.

La sospensione del Volo dell’Angelo

Nel 1759 un arsenalotto travestito da Turco scendendo a mani nude perse la presa cadendo sulla folla che stava assistendo all’evento. La tragedia traumatizzò così tanto la città che il Volo dell’Angelo venne sospeso e solo successivamente la figura umana venne sostituita da una sagoma di una colomba. Anche per questo l’evento viene chiamato a volte il Volo della Colombina.

Oggi il tradizionale volo dell’Angelo è stato ripreso da una figura umana, questa volta però con tutti i sistemi di imbragature che rendono l’evento sicuro ma allo stesso tempo emozionante e molto scenografico.

Chi fa il Volo dell’Angelo?

E’ tradizione consolidata degli ultimi anni che ad eseguire questa spettacolare acrobazia sia la vincitrice del concorso di bellezza, ovvero la Maria, dell’edizione del Carnevale precedente. Gli abiti sono confezionati da atelier locali, così come l’acconciatura viene curata da hairstylist veneziani.

L’evento è oggi sponsorizzato da Aperol. Non un caso considerando che lo spritz è una delle bevande più amate dei veneziani e oggi apprezzata in tutto il mondo. Ne hai mai assaggiato uno buono? Hai mai provato l’originale veneziano? Provalo in uno dei tanti bacari di Venezia, sarà un aperitivo che non dimenticherai.

Approfondimenti: scopri i più gustosi piatti tipici veneziani

Le foto del Volo dell’Angelo

Cosa vedere nei dintorni

Visto che sei già in Piazza San Marco, il nostro consiglio – se non soffri di vertigini – è di ammirare il paesaggio mozzafiato che si presenta dalla cima della Campanile.
CONSIGLIO: si tratta di una meta molto richiesta per cui c’è tanta fila alla biglietteria. Meglio saltare le code (anche per l’emergenza sanitaria in corso) e ordinare il biglietto online.

Tour Privato in Italiano e biglietto salta la fila per il Campanile

Verifica disponibilità

Vista dall'alto del Campanile

Commenta anche tu questa esperienza